Home / Istituzione / Consiglio
Consiglio Regionale

Il consiglio regionale ha un proprio sito accessibile all'indirizzo internet www.consiglio.marche.it.

Consulta il sito per trovare informazioni e servizi del consiglio, oppure utilizza la funzione di ricerca in tutti i siti regionali per trovare le informazioni contenute.

Il Consiglio regionale è l’organo legislativo e della rappresentanza democratica della Regione ed è eletto a suffragio universale e diretto. Il Consiglio è composto da quarantadue consiglieri. Il Consiglio regionale tiene la prima seduta il primo giorno non festivo della seconda settimana successiva alla proclamazione degli eletti. Il Consiglio, nella prima seduta e come primo atto, elegge tra i suoi componenti, con tre votazioni separate a scrutinio segreto, il Presidente e l’Ufficio di presidenza composto, oltre che dal Presidente, da due Vicepresidenti e da due Consiglieri segretari.
L’elezione del Presidente ha luogo a maggioranza assoluta dei componenti assegnati al Consiglio. Alla terza votazione è sufficiente la maggioranza dei voti validi espressi. Il Presidente e l’Ufficio di presidenza restano in carica per l’intera legislatura e fino alla prima riunione del nuovo Consiglio. Il Presidente rappresenta il Consiglio regionale e, secondo le norme del regolamento interno, convoca e presiede le sedute consiliari, cura la programmazione dei lavori del Consiglio, dichiara l’improcedibilità delle proposte degli atti di competenza consiliare, tutela le prerogative dei Consiglieri regionali e garantisce l’esercizio effettivo delle loro funzioni, cura le relazioni del Consiglio con le istituzioni e gli organismi esterni regionali, nazionali ed internazionali, convoca e presiede l’Ufficio di presidenza, rappresenta il Consiglio in giudizio per la tutela delle prerogative dei Consiglieri regionali e per gli atti rientranti nell’autonomia organizzativa del Consiglio, esercita le altre funzioni ad esso attribuite dallo Statuto, dalle leggi e dal regolamento interno. Il Presidente, d’intesa con la Conferenza dei Presidenti dei gruppi consiliari, chiede al Presidente della Giunta lo svolgimento di relazioni al Consiglio sullo stato di attuazione delle politiche regionali.
I Consiglieri regionali rappresentano l’intera Regione senza vincolo di mandato. Essi non possono essere chiamati a rispondere per le opinioni espresse ed i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni. Ciascun Consigliere ha diritto di iniziativa per le leggi e per gli altri atti di competenza del Consiglio, ha altresì diritto di interrogazione, interpellanza, mozione, emendamento ed esercita le funzioni attribuite nelle forme e secondo le procedure stabilite nel regolamento interno. Ciascun Consigliere ha diritto di accesso agli atti, ai dati e alle informazioni in possesso della Giunta regionale, degli enti e delle aziende dipendenti o di società partecipate dalla Regione o comunque di quelli disciplinati con norme di organizzazione emanate dalla Regione, nonché degli enti operanti nelle materie di competenza regionale sottoposti alla vigilanza o al controllo della Regione.
Le attività del Consiglio e dei suoi organi interni sono disciplinate dal regolamento interno. Il Consiglio ha piena autonomia funzionale, organizzativa, finanziaria e contabile, che esercita a norma dello Statuto, delle leggi e dei regolamenti interni. Il Consiglio dispone di un patrimonio, di una struttura amministrativa e di personale.
Il bilancio del Consiglio stabilisce le risorse necessarie per il proprio funzionamento; il relativo fabbisogno costituisce spesa obbligatoria nell’ambito del bilancio della Regione. La legge regionale disciplina l’ordinamento contabile del Consiglio nel quadro dei principi stabiliti per la contabilità regionale. Il bilancio e il rendiconto del Consiglio sono approvati dal Consiglio su proposta dell’Ufficio di presidenza. Le sedute del Consiglio sono pubbliche, salvo le eccezioni previste dal regolamento interno. Le deliberazioni del Consiglio sono valide se è presente la maggioranza dei componenti, salvo i casi in cui è prescritta una maggioranza qualificata. Il Consiglio esercita la potestà legislativa attribuita alla Regione e le altre funzioni conferite dalla Costituzione, dallo Statuto e dalle leggi; svolge la funzione di indirizzo e di controllo del governo regionale.
In particolare il Consiglio:

  1. approva le leggi e i regolamenti regionali, inclusi quelli che provvedono a dare attuazione ed esecuzione agli atti dell’Unione europea;
  2. approva proposte di legge da presentare al Parlamento e delibera in ordine alla richiesta di referendum abrogativo relativo a leggi e atti equiparati dello Stato e di referendum popolare sulle leggi costituzionali;
  3. approva con legge le intese della Regione con altre Regioni;
  4. approva gli accordi conclusi dalla Regione con gli Stati e le intese con gli enti territoriali interni ad altro Stato secondo quanto stabilito dalle leggi della Repubblica;
  5. approva le norme generali di contabilità, gli atti di programmazione finanziaria, il bilancio regionale di previsione, l’assestamento di bilancio e il rendiconto generale; autorizza l’esercizio provvisorio;
  6. delibera con legge i criteri ed i limiti per la fissazione dei tributi e delle imposte regionali di propria competenza;
  7. approva con legge i principi generali dell’organizzazione amministrativa della Regione;
  8. istituisce, disciplina e sopprime con legge enti, agenzie e aziende dipendenti dalla Regione;
  9. approva gli atti generali di programmazione, i piani e i programmi di settore;
  10. formula le proposte ed i pareri della Regione su questioni di carattere istituzionale e sugli indirizzi generali della programmazione nazionale;
  11. formula indirizzi al Presidente della giunta e alla Giunta stessa sulle questioni ritenute di rilevante interesse per la comunità regionale o per quanto attiene ai rapporti con l’Unione europea, lo Stato, le Regioni e gli Enti locali;
  12. provvede alle nomine e alle designazioni attribuite dallo Statuto o dalla legge alla propria competenza, tenendo conto della rappresentanza della minoranza; provvede altresì alle nomine e alle designazioni attribuite alla competenza della Regione, salvo che la legge regionale disponga diversamente;
  13. delibera gli atti di programmazione relativi ai finanziamenti dell’Unione europea e le relative modifiche;
  14. esercita tramite le commissioni funzioni di controllo sull’attuazione del programma di governo regionale, sugli effetti prodotti dalle leggi e sull’operato della Giunta attraverso gli strumenti previsti dal regolamento interno;
  15. verifica mediante le commissioni e valuta il buon andamento dell’attività amministrativa svolta dalle strutture della Regione e degli enti, aziende e società di cui al comma 4 dell’articolo 16.
Regione Marche Giunta Regionale (CF 80008630420) via Gentile da Fabriano, 9 - 60125 Ancona - tel. 071.8061   
Note Legali | Privacy | casella p.e.c. istituzionale : regione.marche.protocollogiunta@emarche.it
Sito realizzato su CMS DotNetNuke by DotNetNuke Corporation   
Autorizzazione SIAE n° 1225/I/1298
Login